Amarezze su tacco 12

Il disagio è una povera stagista muta inerpicata su tacco 12, con pantaloni in simil-pelle nera e testa immobile a non turbare l’equilibrio di onde sapientemente costruite. Un’immagine violenta e quasi patetica che ha fatto il suo ingresso circospetto e caracollante in studio solo ieri, dopo un colloquio condotto dal suo fidanzato più da che da lei stessa. Stando così le cose, non credo proprio che questa avrà la resa satirica di quella che l’ha preceduta. Quella era una giovincella dai tratti ancora infantili, una fanciulla albionica a caccia di romanzetti, non ancora disillusa e toccata dalle inculate maestose della vita. Qui il caso mi sembra diverso. C’è più amarezza e più noe-realismo del ventunesimo secolo, più provincia pontina maledetta ed ambizioni che fra dieci anni si tramuteranno in un marito panzone ed un mutuo altrettanto pesante, come pure i ragazzini che t’accollerai non per amore ma perché lui avrà insistito per averti a casa dopo anni di precariato (e tu crederai pure che sarà stato per il tuo bene).

Io invece parlo, parlo, ma intanto sto sulla buona strada per diventare la gattara pazza dei Simpson (che è un’autoprofezia che mi sono già fatta qualche anno fa, se non la sto cambiando è perché evidentemente i presupposti permangono – e si rafforzano).

intervieni

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: