Da nullatenente fatta e finita, ho passato (e passo) la vita a contare gli spicci e mi sto anche dimenticando come si usa il bancomat, ed è quindi con una punta di piacere sadico e disilllusione che leggo sui social networksss i piagnistei di gente che fino a ieri dilapidava stipendi in ninnoli alternativo-griffato e aveva come unico argomento di conversazione la mappatura di tutti i negozi cool e trendy sul suolo nazionale ed oggi si sente traumatizzato perché ha dovuto prendere atto del prezzo del pane. Per carità, non auguro miseria e bollette scadute a nessuno. Però vi dico: benvenuto/a, fashion addicted. Spero che allo shock faccia seguito un po’ di consapevolezza sulla realtà di plastica che ti sei ciucciato fino ad ora attraverso le lenti dei tuoi Wayfarer.

intervieni

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: