La rivoluzione è fisiologica

La rivoluzione la faremo quando non avremo più la forza di tirare avanti. Succederà quando avremo esaurito ogni scorta di sopportazione, ogni alzata di spalle e ogni sguardo girato dall’altra parte, e non riusciremo più ad addormentarci ogni notte rimandando a domani lo stimolo di scendere in strada e scuotere tutti, bruciare tutto, ribaltare i SUV, prendere a sassate le telecamere ogni dieci metri e prenderci ciò che ci serve. Ci alzeremo una mattina, e dopo il caffé infileremo quattro cose in una valigia e ci allontaneremo da tutto quello che conosciamo. Forse ci guarderanno strano, ci sarà gente che farà finta di niente e continuerà ad andare a lavorare, mentre noi avremo buttato via perfino il cellulare. Saremo liberi di non guardarci più indietro, di salvare solo ciò che vogliamo salvare perché sarà quella la parte più vera di noi, quella che non è stata comprata da quattro spicci, piegata da ore di lavoro malpagate e vestita di stracci griffati. Ci saranno parole nuove per dire ogni cosa. La rivoluzione non è una possibilità, è puro e semplice buon senso, è la reazione istintiva che arriva quando si è sul ciglio di un burrone e all’improvviso sai perfettamente, lucidamente, in che modo devi spostare il peso da un piede dall’altro per non precipitare nel vuoto.

intervieni

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: